robinho

Milan ai quarti di Coppa Italia, 3-1 allo Spezia

Facile, come doveva essere nelle previsioni, la vittoria del Milan con lo Spezia. 3-1 grazie alle reti di Robinho, Pazzini e alla prima segnatura rossonera del giapponese Honda. In attesa che in panchina si accomodi Seedorf, Mauro Tassotti fa giocare Silvestre, Zaccardo, Rami, Honda e Pazzini dall’inizio, con Montolivo a creare gioco. Dopo 32 siamo già 2-0 : Pazzini prima offre l’assist vincente a Robinho e poi va a firmare il goal personale. Si conclude il primo tempo. La terza marcatura arriva al 47′ per opera di Honda, che corregge in rete una ribattuta del portiere, su tiro di Montolivo. Il reparto offensivo si comporta più che bene, sfiorando il goal in varie altre occasioni. Nel finale arriva anche il goal della bandiera dello Spezia.

Il tabellino:

MILAN: Abbiati; Zaccardo, Rami, Silvestre, De Sciglio; Poli, Montolivo, Cristante; Honda (64′ Birsa), Robinho (78′ Nocerino); Pazzini (70′ Petagna). A disp.: Amelia, Gabriel, Zapata, Kakà, Bonera, Emanuelson, Petagna. All.: Tassotti.

SPEZIA: Leali; Baldanzeddu, Bianchetti, Lisuzzo, Migliore; Bovo, Seymour; Schiattarella (61′ Culina), Catellani (85′ Orsic), Rivas (76′ Ciurria); Ferrari. A disp.: Vozar, Valentini, Ceccarelli, Ashong, Magnusson, Culina, Klapan, Borghese, Galelli, Passamonti. All.: Cozzi.

ARBITRO: Russo
MARCATORI: Robinho (27′), Pazzini (32′), Honda (47′), Ferrari (91′)
AMMONITI: Mexes, Honda, Catellani

Piccoli ritocchi di mercato, in uscita e in entrata: Matri ha salutato Milanello per approdare alla Fiorentina, dove spera di ritrovare ciò che a Milano ha perso: la capacità di fare goal. Il Milan invece ritrova Petagna, il giovane attaccante che, secondo Galliani, doveva essere il vice – Pazzini e che nei mesi scorsi era stato mandato a farsi le ossa alla Sampdoria, senza però ottenere grossi risultati.