Andrè Dias

Lazio a Torino senza Radu e Klose: Petkovic rilancia Dias in difesa

Alle 15.00 l’Olimpico di Torino ospiterà la Lazio, impegnata nella difficile sfida contro i padroni di casa granata, con i biancocelesti alla ricerca di una svolta positiva che in questa stagione tarda ad arrivare.

Per trovare la prima vittoria esterna in campionato dell’annata 2013-14 (che sarebbe comunque soltanto la seconda dell’anno solare), Petkovic, rispetto alla sfida persa in casa contro il Napoli lunedì scorso (ma ben giocata, dal centrocampo in su), cambierà tre elementi e sarà costretto a fare a meno ancora una volta di Miroslav Klose: il tedesco non è stato convocato perché non in condizioni atletiche ottimali dopo la lussazione alla spalla di circa un mese fa, rimediata al Tardini di Parma proprio prima dell’ultima sosta per le nazionali.

Davanti, allora, spazio a Perea, che vince il solito ballottaggio con Floccari. Il centravanti colombiano sarà supportato da tre giocatori più o meno offensivi che rispondono ai nomi dei soliti Candreva e Lulic, con l’aggiunta di Hernanes (un po’ a sorpresa), che è riuscito a mantenere il posto da titolare nonostante l’insidia Ederson, al fianco di Onazi (Gonzalez si è procurato una frattura alla mano sinistra nel monday night con i partenopei, dunque starà fuori un mese).
Davanti alla difesa conferma Biglia, con Ledesma che si accomoderà ancora una volta in panchina così come nell’ultimo match di campionato.

In difesa, il reparto più sotto accusa dopo il 4-2 subito dal Napoli in casa appena 6 giorni fa, infine, ci saranno due cambi: uno dettato dall’infortunio di Radu (il romeno non è stato convocato per un problema alla coscia), vedrà Pereirinha agire sulla fascia sinistra, l’altro consiste nell’avvicendamento tra Ciani e Dias, con il brasiliano che scalza Novaretti nelle gerarchie e torna titolare dopo più di due mesi tra infermeria e panchina (ultima volta dal primo minuto a Sassuolo, il 9 settembre). Completeranno la linea arretrata Cana e Konko, con il francese che potrebbe anche spostarsi sulla corsia mancina a partita in corso, qualora il suo opposto di fascia portoghese dovesse soffrire Cerci (trovandosi nella zona preferita di campo dell’ex romanista).