gomez

Fiorentina, finisce l’anno (e il calvario di Gomez). Ma non il mercato…

E venne finalmente il turno della Fiorentina. Prevista per oggi, con una doppia seduta, la ripresa degli allenamenti per i giocatori viola, rientrati ieri a Firenze per preparare la sfida contro il Livorno, in programma sabato prossimo alle 18 allo stadio Franchi. Dovrebbe allenarsi con il gruppo anche Mario Gomez, il cui calvario sembra essere giunto alla conclusione: oggi l’attaccante tedesco si sottoporrà ad una nuova, e si spera definitiva, risonanza magnetica al ginocchio destro. Se il riscontro sarà positivo, allora SuperMario potrà mettersi a disposizione di Montella per scalare l’ultimo ostacolo, la sua condizione fisica,  ovviamente scaduta dopo lo stop del 15 settembre, cancellando anche il piccolo fastidio muscolare che ancora un pò lo frena. Ma, con il sistema di preparazione adottato dal tecnico viola e dal suo staff, il bomber ex Bayern potrebbe essere pronto, al massimo, tra due settimane.
Intanto ieri Marione si è ripresentato a Firenze e, da vero professionista, si è messo subito al lavoro, lamentando ancora dei piccoli fastidi: nulla di preoccupante, soltanto un appesantimento dei muscoli gemellari. Per sciogliere ogni residuo dubbio, oggi l’attaccante si sottoporrà ad un ultima risonanza magnetica e, se tutto andrà, come pare certo, bene, sarà inserito progressivamente in squadra. Insomma, pare proprio che l’uscita dal tunnel sia prossima: al momento l’ipotesi più probabile che circola nell’ambiente è che Gomez possa essere a disposizione, se non addirittura in campo, nella trasferta di Torino contro i granata del prossimo 12 gennaio. E, se per quella data dovesse “accontentarsi” di accomodarsi in panchina, non ci sono dubbi che il tedesco possa riprendersi per intero la Fiorentina per il match successivo.

Finisce l’anno, finiscono le vacanze, non finisce invece il mercato, che anzi entra proprio ora nel vivo, a pochi giorni dall’inizio della sessione di contrattazioni di gennaio. La priorità in casa viola resta la difesa, dove l’obiettivo numero uno è Nemanja Vidic del Manchester United, che a giugno si libererà a parametro zero. Possibile che il suo arrivo sia anticipato a gennaio, grazie ad un piccolo indennizzo da versare nelle casse dei Red Devils. Molto dipenderà però dal destino di Roncaglia, più precisamente dall’offerta che, scrivono a San Pietroburgo, starebbe per partire dalle segrete stanze dello Zenit alla volta della scrivania dei dirigenti viola. Comunque, le probabilità che l’affare vada in porto sono altissime: il recupero fisico del 32enne serbo, il vero punto interrogativo che finora aveva frenato Pradè e Macia, non costituisce infatti più una sorpresa, e anche le questioni relative al suo mancato arrivo durante l’era Corvino sono ormai acqua passata dalle parti di viale Manfredo Fanti. E anche nel Regno Unito sono convinti di una buona riuscita dell’operazione (“Gli occhi italiani tornano ad illuminarsi con Vidic“, si legge sul ‘Manchester Evening News’). Certo, c’è da trovare l’intesa tra le parti, ma dall’entourage del giocatore (che non vuole restare ai margini del progetto dei Red Devils) arrivano segnali incoraggianti. Adesso serve solo attendere, anche perchè gli uomini di mercato dei Della Valle non vogliono sottovalutare nessun aspetto. L’obiettivo della proprietà è tentare il bis dell’operazione Rossi, portando a Firenze a prezzo di saldo qualche altro campione.

Un obiettivo ribadito anche ieri dal presidente viola Cognigni a ‘La Nazione’ (“Posso garantire che stiamo cercando di migliorare l’attuale organico, pur consapevoli che i nostri ragazzi potrebbero giocare in qualsiasi competizione europea”) e che la società viola terrà in considerazione anche in ottica mercato estivo. Sotto questo aspetto, occhio a nomi come Fernando del Porto, Kaboul del Tottenham e soprattutto Musacchio del Villarreal. Proprio sul giovane talento argentino, Macia si è mosso con largo anticipo rispetto alla concorrenza, anche se la trattativa si preannuncia non di facile realizzazione: proprio in queste ore il presidente del Submarino Amarillo Fernando Roig ha infatti ribadito che il giocatore ha un contratto fino al 2018 e che per meno di 50 milioni (il valore della clausola rescissoria) non si muoverà. Insomma, per vestire Musacchio di viola servirà un assegno bello sostanzioso… E sempre in estate può arrivare l’investimento per l’acquisto del giovane centrocampista brasiliano del Verona Jorginho, per il quale invece a gennaio l’operazione con i gialloblu resterà in stand by.

Intanto, sul fronte rinnovi, arrivano novità importanti circa il futuro di Juan Guillermo Cuadrado. Dell’argomento ha parlato, ai microfoni di ‘Tuttomercatoweb’, Cristiano Giarretta, ds dell’Udinese, club che, lo ricordiamo, detiene, insieme alla Fiorentina, la comproprietà del colombiano e con il quale i viola sono in trattativa per acquisire la metà del cartellino ancora in suo possesso. “Per adesso non abbiamo programmato nulla insieme alla Fiorentina - ha detto Giarretta - Credo che parleremo di Cuadrado a partire dalla prossima primavera“. Insomma, pare proprio che per conoscere il destino della forte ala cafetera, i tifosi viola (e non solo) dovranno attendere ancora alcuni mesi. Non che si facessero illusioni, visto che era stato lo stesso Giarretta, non più tardi di un mese fa, a smentire le voci di un accordo già a gennaio. Voci che vengono ora spente in maniera definitiva, anche se le possibilità di continuare a vedere Cuadrado scorrazzare sulla fascia sinistra viola restano immutate: i rapporti tra i due club sono infatti molto buoni, il che potrebbe agevolare una felice riuscita dell’operazione.

Infine, diamo un’occhiata al fronte mercato in uscita. Dopo le parole di Gustavo Poyet in conferenza stampa, arriva anche il comunicato ufficiale del Sunderland a sancire il passaggio in prestito di Marcos Alonso al club inglese. Lo spagnolo, si legge sul sito ufficiale dei Black Cats, si unirà ai nuovi compagni mercoledì 1 gennaio e potrebbe fare il suo debutto già in FA Cup, nell’incontro, valido per il 3^ turno della competizione, contro il Carlisle United (Terza divisione inglese).
E voci di mercato ruotano anche attorno al secondo portiere viola Gustavo Munua. Dall’Uruguay, terra natìa dell’ex numero uno del Levante, sostengono che Munua avrebbe addirittura già trovato un accordo con il Nacional per un contratto di due anni e mezzo con un sostanzioso ingaggio (più alto di quello che attualmente percepisce alla Fiorentina). Secondo ‘Monte Carlo TV’, il giocatore potrebbe rientrare a Firenze nelle prossime ore per parlare dell’affare direttamente con la società viola. Insomma, una situazione quella del 35enne di Montevideo tutta da chiarire e seguire: da un lato la possibilità di riprendersi un posto da protagonista lo tenta molto, dall’altro l’idea di lasciare una squadra ambiziosa come la Fiorentina continua a lasciarlo interdetto. Come se non bastasse, tra i dirigenti del Nacional c’è anche chi non è d’accordo sul trasferimento: “Noi non possiamo competere con il calcio italiano, soprattutto sotto il profilo economico“, dicono. Quindi, non resta che attendere e vedere quali saranno gli sviluppi della vicenda nei prossimi giorni. Intanto, Munua sarà regolarmente in campo oggi alla ripresa degli allenamenti.

E per concludere, noi della redazione di Goalnews24 vogliamo fare a tutti i tifosi in visione i nostri migliori auguri per un 2014 che porti serenità, pace e che esaudisca i desideri che albergano nei nostri cuori. E naturalmente che sia un anno, come sempre, sotto i fulgidi colori dell’AC Fiorentina. AUGURI!!!!!!!!!!!!!!!!!!